lunedì 17 aprile 2017

- Peak 2017 - The Elder Statesman

The last two years I didn't manage to travel much. Apart from some short trips to Ceuse, Albarracin or Verdon, I spent most of my time climbing near home and I was starting to miss that feeling of extreme freedom a long trip gives you. This year, as I had some changes in my life, I felt it was time to hit the road again and come back to a place I was missing so much: Sheffield and the Peak District, where I have some of my best memories.

Short stop in Font on the way to Sheffield...

Fortunately a friend would help me, and a plan was made. Getting to Sheffield for the CWIF and remaining there a couple of weeks to get the most I could out of gritstone. Then back to Fontainebleau on my way home, where I would join Italian friends to spend the last week of my holiday.

The Cork Stone - Photo: Claudia Amatruda

The CWIF was fun as usual, and it was a pleasure to compete in the Wild Country team together with friends. I soon realized this time I was there just for fun and no longer had the competitive spirit or will to succeed I used to have back in the years... all I was thinking about was getting back on the Grit as soon as possible!

Burbage Valley infrared

The first days after the competition were quite chilly and rainy, but I still managed to get out for some bouldering sessions in the evening, to get the feeling back with this strange rock and with proper English weather too! I also tried to get back to Voyager once... but it was still dripping wet :(
Weather improved quickly, and it soon got nice and warm... time for some routes?? I had many in my mind I wanted to climb, and I was lucky to meet Claudia, who was off from work, to go climbing with.

On the way to Voyager...

We decided to get to Millstone as a first day to get some practice with routes, as both of us haven't been trad climbing for quite a long time. I spotted a rarely repeated E7 by Ron Fawcett called "Scritto's Republic", while Claudia could test her skills placing gear on the classic crack of "Embankment 3". As we first got there the wall was still dripping, but the heat was crazy and the sun quickly dried everything.

Claudia on Mark's Roof Left Hand

After a couple of top-rope inspections to check the gear and the moves I decided to give it a go. It was quite late, the temperature had dropped a bit and the sunset light made everything orange, exactly like four years before when I climbed the nearby Master's Edge. I set off, but at first I could not commit on the crux of the route way above the two tiny pads we had and jumped off. "Well, here we are again, I know this feeling...". Five minutes later I found myself past the crux and above the first unsecure piece of gear: I didn't work the top part that well and I forgot I had to change hand on a mono!!! Easy on top-rope but on lead it's totally different ;)

Scritto's Republic - Photo: Tom Randall

I somehow managed to close my eyes and do that, and I was now past my last runner which I did not trust too. Just one more tricky move before better holds, but this time I could not make the position work: "How did I manage to get to that pocket!?? Shit!". I was already in the state of mind of taking a fall when I managed to jam a finger in a small crack just below the pocket and reach it with the other hand... what a moment! "Yes, this is Gritstone as I remembered".

Sunset from Curbar Edge

After an easy day soloing at Stanage I decided to step up the game a bit and went to Curbar to finally try "The Elder Statesman" HXS 7a. I had this line in my mind since I saw James Pearson's video on it. With only three ascents to date and a cool scary dyno at the top it seemed the perfect mix of something hard but not too dangerous I could start with.

The Elder Statesman - Photo: Jake Thompson

The first day was quite frustrating: I managed to hold the dyno something like two times out of five, but I still struggled to get into the jump position from the crack, that looked just too far away... at the end of the day I managed somehow to do every single move but with such an effort it would have been nearly impossible to stick the jump. The next day the unexpected happened: thanks to a new pair of Otaki shoes and a better sequence I managed to do twice the crux on top-rope, so after Claudia worked Elder Crack I didn't think twice and went for the lead before it got dark!

Victory!Photo: Mike Hutton

On the lead everything went smooth, I was not too scared and I was focused on the moves. I still did not know whether I would hold that jump or not, but I gave it a real try and I soon found myself screaming with joy at the top of the crag! I could not believe it, I've done the route and as usual I didn't have a single picture of it...  Yes pictures... I had already planned to have a small shooting for Wild Country out on grit, so why not getting back on this route? It's really stunning and I would have loved a picture on it.... "Yes, I'll get back the next day". I was almost disappointed I didn't have the chance to test that scary but "safe-ish" fall!

Photo: Jake Thompson

The next day weather was quite grim: dark clouds on the horizon and a strong wind blowing at the top of the crag. "Do I really want to do this again?" Anyway I made people come here, now it was time for action. I set up the belay and did it once more on top rope, then back on the ground to sort out gear and get ready. It was quite cold. We arranged to have some slack as usual, as I was worried of hitting hard into the wall on the right if the rope was too tight. That's all I was afraid of... I trusted my gear and knew it would have been a long sideways fall, but nothing too dangerous.

my wrist after surgery

Once I got established in the jump position I was quite cold. Friction was good, but I was not feeling confident I would do it again. I tried, but could not stick the good crimp this time and I found myself flying horizontally towards the right wall. I remember thinking: "I'm not in the best position to hit that wall..." then something happened, and I was lying on the ground in pain. It took me a while to realize what happened. The rope cut. I hit Claudia, and we both fell on the ground. I was feeling a strong pain to my left hand and when I looked at it I saw it had collapsed into my forearm, very bad looking, but I could still move my fingers. The right ankle was also painful, I probably broke that as well, but it just didn't look as bad as my hand.

at Hard Grit Live event

Luckily for me Edale Mountain Rescue Team came quickly and they carried me till the car park where an ambulance took both me and Claudia to Northern General Hospital in Sheffield where I had an operation to the wrist the next morning. Claudia suffered several bruises but she was fortunately fine. My friend James managed to get in touch with my parents who took a flight to London and got there the next day.
I have been lucky. I just didn't think that could happen to a rope, and I didn't even know Steve McClure climbed it with three cause of that when he made the first ascent... you always learn something.

Claudia on La Coquille - Fontainebleau

I stayed in hospital three days, and they discharged me just in time to be at the Hard Grit Live event in Sheffield, which was quite fun! ;). Then I drove down with Claudia and my parents to Fontainebleau, where my friends were waiting for me... this time not for climbing together unfortunately.
I have to thank the rescuers, my parents, and everybody who helped me. Special thanks to James and Claudia for their help: without them I wouldn't have had the opportunity to live this experience and tell you this story. Yes, it's been a positive experience anyway. This trip gave me back feelings I had almost forgotten and made me realize once again how much I love this place and its climbing. It will take a few months to recover now, but I can't wait to be back... there are still a couple of routes I miss on the Hard Grit tick list! ;)


Above is the video of the fall. Be careful of what can happen to a rope in that situation. You live and learn.

lunedì 23 novembre 2015

- Bavella, Delicatessen


E' da tanto tempo ormai che sognavo di mettere mano su questa mitica via aperta da Arnaud Petit nel lontano 1992... nel mare di granito delle cime di Bavella, in Corsica. Purtroppo però non avevo mai trovato l'occasione per andare a provarla, così la ho sempre tenuta li, come una di quelle cose che prima o poi mi sarei messo di impegno per fare...


Finchè un giorno di questa estate, parlando con Federica a Ceuse, ho scoperto che anche lei aveva questa via nel mirino... allora ci siamo subito detti che la cosa andava tentata!


Cinque giorni, non di più. Questo è il tempo che avevamo a disposizione per salire la via. Non avevamo idea se sarebbe stato tanto o poco, ma eravamo determinati a fare del nostro meglio.


Arriviamo lunedì notte e ci accampiamo in uno spiazzo vicino alla strada che porta al colle. Essendo ormai buio non avevamo bene idea di dove ci trovassimo, ma lo spiazzo sotto ai castagni sembrava comodo, e montate le tende siamo subito andati a dormire curiosi di vedere cosa ci avrebbe aspettato il giorno successivo.


Alle sei di mattina circa veniamo svegliati da rumori di grugniti, castagne masticate e respiri affannosi che si spingono fin quasi dentro la tenda... all' inizio rimaniamo un po' impietriti, pensando che si tratti di un branco di cinghiali, ma quando finalmente alle prime luci dell' alba decido di alzarmi e guardare, scopro che sono solo un gruppo di innocui maiali selvatici che stanno facendo colazione proprio accanto a noi... respiro di sollievo!


Il primo passo ora era quello di avventurarci nella foresta fino all' attacco della via. In molti ci avevano descritto il sentiero come difficile e intricato, ma per fortuna riusciamo (quasi) al primo colpo a trascinarci fra piante, rovi e salti di roccia fino alla forcella sommitale fra punta U Corbu e Teghie Lisce... da li il panorama è incredibile e la via si staglia davanti a noi in tutto il suo splendore.



Arrivati all'attacco capiamo subito che sarebbe stata dura: faranno circa 18°, la parete è in pieno sole e il granito è ormai caldissimo... pian piano riesco a trascinarmi in sosta alla prima bellissima lunghezza di 8b, ma mi rendo conto che per passare in libera ci vogliono ben altre condizioni.


Fessure rovescie con i piedi splalmati, canalini svasi da rimontare con i palmi, enormi piattoni e terribili scagliette di granito da tirare più su in placca, sperando di salire ancora qualche centimetro prima che ti scappi quel piede spalmato e ti faccia inesorabilmente volare di sotto...


Il secondo e il terzo tiro per fortuna sono un po' più abbordabili. Proseguiamo in alternata, e con un po' di fatica riusciamo comunque a fare tutti i singoli di queste due lunghezze. Come tipologia di arrampicata sono abbastanza simili alla prima, ma almeno presentano sezioni più facili dove si riesce a prendere un po' fiato...


... Ok: fessura svasa in dulfer, (nessun incastro possibile quindi mi è concesso! ;) ) tettino, tallonata e ribaltamento di ginocchio...  ora ci troviamo nella grande nicchia sotto il tetto del tiro finale di 8a... troppo tardi ormai per tentare pure quello. Ci godiamo dall' alto il mare di nuvole che si è chiuso sotto di noi, lasciando intravvedere solo la cima di qualche guglia circostante, poi ci caliamo tra le nuvole per affrontare di nuovo il sentiero, al buio non sarà certo cosa semplice!


I giorni successivi proseguono un po' fotocopia del primo: il sole scalda la parete durante le prime ore della giornata, poi per fortuna arrivano un po' di nuvole, ma spesso non basta a raffreddare la roccia che sembra un enorme calorifero di granito rosso....


Il secondo e il terzo giorno sono dedicati a lavorare i tiri centrali, su cui abbiamo buone possibilità di riuscita, e ad andare in cima alla via. Scopriamo che le difficoltà del quarto tiro di 8a, non stanno certo nel passare i grossi tafoni per superare il tetto, ma sono tutte concentrate in quattro spit di placca appoggiata, con quasi nulla per mani e piedi... praticamente un incubo con questo caldo!


Il quarto giorno, complici anche un po' di nuvole che arrivano a mascherare il sole prima del solito, riusciamo finalmente entrambi a salire in libera i tiri di 7c+ e 7c.


Sul primo tiro abbiamo fatto progressi, ma c'è ancora una sezione in placca che è un rebus irrisolto... l'ultimo tiro di 8a per ora non ci siamo nemmeno messi a provarlo seriamente, necessiterebbe pure di una bella spazzolata per via del muschio!


Ok ultimo giorno di avventura, ormai siamo un po' affaticati dal sentiero e dalle ore di arrampicata. La pelle delle dita rimasta è poca e rovinata, ma non vogliamo mollare dato che la giornata sembra almeno partire con il piede giusto: nuvole fin dalla mattina e roccia presumibilmente fresca.


Si, oggi finalmente si sente qualcosa sotto le mani e non solo quarzi di granito caldo e sudato! Riesco a fare un buon link sul primo tiro, superando il canalino svaso e arrivando in placca con un solo rest. Qui riesco finalmente ad arcuare due croste che mi permettono di superare quella malefica spaccata da cui nei giorni precedenti non eravamo mai riusciti a tirarci fuori... ormai so che il tiro viene tutto... fosse stato così anche gli altri giorni!!


Ok proseguiamo spediti fino al tiro di 8a, con l'intenzione di guardare seriamente pure quello... in effetti scopriamo che pulendo un po' le fessure svase dal muschio e guardando bene gli appoggi si riesce davvero a passare, anche se la sensazione di precarietà di fondo rimane tutta.


Insomma, cinque giorni su "Delicatessen" sono volati. Siamo riusciti a salire in libera tre dei cinque tiri, abbiamo lottato contro il caldo e improvvisato movimenti da boulder in parete... ci siamo persi nel bosco al buio, graffiati con i rovi e preso pure qualche zecca. Ora sappiamo però che questa via è davvero alla nostra portata... insomma il sogno continua, magari la prossima volta con un po' più di fresco! ;)

domenica 28 dicembre 2014

- Un anno di transizione

E' da tantissimo che non scrivo più nulla su questo blog...  non perchè non abbia più niente di interessante da raccontare, ma più che altro perchè ultimamente non riesco più a raccogliere del materiale interessante per farvi vedere i posti che ho visitato e le esperienze che ho vissuto.


Da quando ho incominciato a scalare più spesso con la corda lo sbattimento di farsi le foto con l'autoscatto o i video dal cavalletto non sarebbe più nemmeno utile... quindi se non c'è per caso qualche amico nei paraggi che sappia usare una macchina fotografica, non mi rimane che qualche paesaggio o qualche foto scattata ad altri da poter condividere con voi.


Comunque per fortuna continuerò sempre a proporvi immagini e video: magari non sarà più nulla in cui sono diretto protagonista, ma avrò il piacere di raccontarvi esperienze e avventure vissute da qualcun altro, spero nel miglior modo possibile.


Tutto è forse iniziato l'anno scorso al Melloblocco, quando per la prima volta ho avuto voglia di mettere da parte le scarpette per qualche giorno e provare a raccontarvi attraverso i miei occhi quello che è stata questa manifestazione a cui ho sempre partecipato da scalatore e a cui sono molto legato.



Dopo il Mello e la consegna del video invece è subito arrivata l'estate e con essa è stato tempo di tornare a Ceuse ad imparare a scalare in falesia... quattro brevi permanenze al campeggio Les Guerins, non mi hanno fatto voglia di mettermi a lavorare tiri super duri, avendo a disposizione ancora una marea di classici da non perdere e da poter chiudere in pochi giri, ho preferito ampliare il più possibile la mia collezione, cercando di fare esperienza e regalandomi anche qualche bella soddisfazione.

star trail sopra Ceuse
Dopo tante giornate passate in campeggio a scalare con amici è venuto il tempo di tornare al lavoro, ma per fortuna ne le rocce, ne gli amici sono venuti a mancare. Infatti ho avuto l'occasione di fare un bellissimo viaggio a sud in compagnia dei Ragni di Lecco, per girare un video sulla falesia di Frosolone, e un servizio fotografico su Palinuro e il Cilento.


A Frosolone siamo stati accolti e ospitati dagli amici del posto, che tanto hanno fatto negli ultimi tempi per valorizzare la falesia e aprire nuove vie. Oltre a delle belle riprese, sono riuscito pure a scalare un po' e a ripetere una strana via di placca appoggiata che avevo chiodato l'anno precedente assieme a Luigi... la "Via Crucis"!

Luca Passini su Mantanavai, 8a+, Frosolone
Le giornate sono trascorse tra roccia perfetta, prati, mucche, e uno splendido paesaggio che avrete il piacere di vedere fra qualche mese quando avrò terminato di lavorare al video... ovviamente non ci siamo fatti mancare cene tipiche e golosità di ogni tipo ;-) Grazie ancora a Gaetano, Luigi e Carmine... alla prossima!

la costiera di capo Palinuro

Da Frosolone siamo scesi a Palinuro, dove Amedeo ci ha gentilmente accompagnati a vedere le bellezze del capo e i nuovi settori di falesia che stanno nascendo. E' stato bello devo dire tornare a vedere il mare dopo tanto tempo, e soprattutto constatare che ci sono settori incredibili completamente in ombra dove è possibile scalare anche d'estate e conciliare entrambe le cose.


Le giornate sono state davvero faticose: un po' di tiri in falesia, un po' di jumar per fare le foto, e magari un po' di spiaggia verso sera...  qua e la è pure venuto qualche bel tiro, con la ripetizione di alcune vie tra cui spiccano "Core a Core" (chiodata e liberata da Luca l'anno precedente) e la prima libera di "Panzarotti", corto e violento 8a+ su buchetti svasi. Il posto è incredibile e vede ancora numerosi progetti che aspettano solo di essere chiodati e provati. Un grosso grazie ad Amedeo ed Oreste per aver valorizzato e sviluppato il posto!

Luca Passini rispettivamente su Panzarotti e Core a Core al Vauzo

Dopo un' ultima divertente mattinata passata a fare deep water solo con il pedalò ho dovuto salutare i miei amici e rientrare a casa. Era tempo di tornare ad allenarsi, dato che un' estate passata a scalare in falesia e a far foto mi aveva dato si tanta resistenza in corpo ma purtroppo aveva quasi annientato il livello di forza...

Io durante la prima salita di Panzarotti. foto: Luca Passini
Ci voleva quindi qualcosa di transitorio, e così settembre è stato il mese di Cadarese. Finalmente di nuovo fatica, incastri, sangue e ferraglia! Era da tanto tempo che sognavo di tornare a Cadarese per provare a salire una delle linee che è stata fra i miei sogni negli ultimi due anni: The Doors. Ero proprio curioso di vedere se l'allenamento di resistenza dell' estate avrebbe portato i suoi frutti, dato che sapevo che su quella via era solamente una lotta contro la ghisa.

The Doors 8a? - Cadarese
In effetti l'allenamento Ceuse aveva funzionato a meraviglia! Ora ero in grado di stare a sghisare su una tacca prima della sezione chiave in cima, dove l'anno precedente più volte avevo agguantato il friend in mano per moschettonare... Così al secondo giorno di tentativi sono finalmente riuscito a chiudere i conti con la via, dopo essere volato una volta con l'ultima presa d'uscita ormai in mano... uff!

Django 7b+ - Cadarese
Dopo The Doors mi rimaneva solo una delle quattro grandi classiche di Cadarese da ripetere, e si trattava di Mustang, un perfido fessurino di dita con un blocco di entrata all' ingresso. Avendolo già provato l'anno precedente in una giornata di condizioni decenti sono riuscito a salirlo, così subito dopo mi sono concentrato su una bellissima via in parte, scovata e pulita da Giovanni Ongaro: Django, un' altra fessura di dita appoggiata che a guardarla sembrerebbe 6a, invece...

La Spada di Damocle, 7b - Photo: Jacopo Larcher
Alla fine ci sono voluti tre giorni di tentativi per fare la prima salita, e così il grado si assesta a 7b+... un po' più facile di Mustang, ma neanche tanto. Ultima giorata a Cadarese della stagione invece ha visto la prima salita della "Spada di Damocle" altro interessantissimo diedro pulito e "sostato" da Riky Felderer e Stefano Frabetti. Questa via non è durissima ma presenta un paio di metri apparentemente senza appigli o fessure di sorta.... siccome la ho salita in giornata però non può essere più di 7b!! ;-)

Simone Pedeferri su "La Divina Commedia"

Ottobre invece è stato tempo di tornare ai video, e ho seguito Simone Pedeferri in due interessanti progetti di ripresa: il primo riguarda una via dal nome "La Divina Commedia" che ha aperto assieme a Luca Schiera nell' impressionante grotta del Buco del Piombo di Erba. Il secondo invece preferisco tenerlo ancora top secret per ora, dato che si tratta del lavoro di cui sono più soddisfatto e a cui ho dedicato più tempo... la Divina Commedia comunque uscirà a breve online, ed ecco qui il trailer:


Novembre purtroppo è stato un mese funestato dal cattivo tempo e da qualche malattia, ma per fortuna sono riuscito a far di nuovo visita ai miei amici di Frosolone e fare pure un salto per due blocchi a Meschia, tornando a gustare le sensazioni dell' arenaria che ormai avevo dimenticato da tempo...


A Dicembre invece per fortuna è tornato a splendere il sole, e con esso è tornata tanta motivazione e tanta voglia di scalare... i progetti non mancano di certo, sia in arrampicata che in fotografia, e solo il tempo poi potrà dire cosa porterà con se questo 2015!


My most popular images for sale at Shutterstock: